Stampanti 3D

Stampanti 3D

Stampanti 3D

Da qualche anno si sente parlare sempre di più di stampante 3D, un prodotto innovativo che a poco a poco sta rivoluzionando il settore delle industrie e sta conquistando sempre più persone. La stampante 3D è l’evoluzione della stampante bidimensionale e permette di creare oggetti tridimensionali dotati quindi di altezza, larghezza e profondità partendo da un modello digitale. La stampa 3D è una vera e propria innovazione e se inizialmente le stampanti 3D erano rivolte soltanto alle aziende e industrie oggi è possibile trovare una stampante 3D anche nelle case di appassionati di questo genere. Il successo della stampante 3D è dato soprattutto dalla possibilità di poter creare oggetti a basso costo scegliendo materiali e forme. Ma per poter usare una stampante 3D bisogna capirne la struttura ed il funzionamento:

Struttura e funzionamento di una stampante 3D

La struttura di una stampante 3D è composta da un telaio che fa da base a tutti i meccanismi della stampante, un piatto che raccoglie i materiali necessari alla creazione degli oggetti e da varie assi che creano gli oggetti seguendo il movimento delle tre dimensioni. 

Per creare un oggetto con la stampante 3D, l’utente deve creare un progetto 3D digitale su un software dedicato che sarà poi inviato ed elaborato dalla stampante 3D. Il funzionamento di una stampante 3D è molto simile a quello di una stampante normale soltanto che in questo caso la testina viene sostituita da un estrusore. Quest’ultimo altro non è che il cuore della stampante 3D, il pezzo più importante che si occupa del passaggio dei polimeri dei materiali scelti dal serbatoio alla fase di riscaldamento, della fusione dei filamenti e della fuoriuscita di quest’ultimi dall’ugello per la fabbricazione dell’oggetto.

Stampanti 3D

I motivi per cui usare una stampante 3D sono svariati: generalmente è più semplice, veloce ed affidabile rispetto ad altre tecnologie per la produzione sottrattiva ed inoltre una stampante 3D è in grado di stampare ed assemblare in un singolo processo di costruzione tante parti diverse per materiale e proprietà. Con una stampante 3D, ad esempio, è possibile costruire giocattoli, prototipi ed oggetti molto avanzati da utilizzare in campo medico. I materiali che si possono utilizzare in una stampante 3D sono molti ed aumentano ogni anno in base alle nuove scoperte. Si possono utilizzare materiali plastici come il nylon o l’ABS (Acrilonitrile butadiene stirene), materiali metallici come l’acciaio, l’oro o l’argento e addirittura anche il cibo può essere utilizzato per creare particolari decorazioni per dolci.

La stampante 3D dunque, oltre a creare oggetti tridimensionali per le industrie può essere adoperata anche in molti altri settori. L’industria manifatturiera con l’artigianato digitale ad esempio è un altro settore che sta beneficiando di questa innovativa stampa 3D per non parlare del suo utilizzo in campo medico: grazie alla stampante 3D oggi è possibile creare veri e propri organi utilizzando materiali biologici.

Una stampante 3D professionale ha un costo notevole ma se non si è propensi ad acquistarne una e si è dotati una forte manualità è possibile costruirla da soli ottenendo risultati più che soddisfacenti.

Come utilizzare le Stampanti 3D

Contatti
Syrus Industry

Via del Fontanile Anagnino 173
00118, Roma (RM)

info@syrusindustry.com

www.syrusindustry.com

vai a contatti