Google Optimize

Google Optimize

Google Optimize

Google Optimize è un tool gratuito (ma ha anche una versione pro a pagamento) di Google pensato per la CRO e cioè per l’ottimizzazione del tasso di conversione delle pagine del tuo sito web. Lo strumento ti consente infatti di creare degli A/B Test che ti aiuteranno a comprendere quali elementi di una pagina possono aiutarti ad aumentarne la conversione e quali invece si dimostrano limitanti. 

Ovviamente questo strumento è utilizzato perlopiù da tutti quei marketers che si trovano a dover lanciare delle campagne pubblicitarie per le quali necessitano di creare delle landing pages. Come è noto, la pagina di atterraggio di una campagna pubblicitaria è molto importante al fine di convertire il risultato che ci si è preposti, dunque organizzarla nel modo corretto è una fase cruciale a cui non ci si può sottrarre. Fino a qualche tempo fa per poter verificare lo stato di salute di una landing page era possibile utilizzare Analytics, sempre di Google, grazie alla sezione Esperimenti. Nel 2017 però Big G ha fatto la grande scelta: costruire uno strumento autonomo interamente dedicato alla valutazione delle landing pages, regalandoci Google Optimize. 

Vediamo nel dettaglio cosa è possibile fare con Google Optimize. Attraverso lo strumento è possibile creare dei test A/B delle tue landing pages per capire quale è più funzionale alla tua campagna sia a livello di grafica che di url, è possibile integrare Analytics e Google ADS, effettuare Targeting avanzati, modificare le tue landing con un visual editor molto intuitivo e semplice da utilizzare, generare reportistica. Scendiamo più in profondità analizzando ciascuno di questi aspetti.

Test A/B e Url Test: 

Nella versione gratuita di Google Optimize è possibile effettuare solo fino a 3 test contemporaneamente. La funzione “test A/B” ti permette di mettere a confronto la versione originale della landing page con una sua variante, tale variante può essere identificata da un solo elemento (un pulsante, un’immagine etc). Se invece si vogliono confrontare più varianti è necessario scegliere la funzione A/B/n test. 

E’ possibile inoltre mettere a confronto due pagine web diverse tra loro, in questo caso le varianti vengono identificate dalla URL e non dagli elementi della pagina. 

Tralasciando la possibilità di integrare Google Analytics, Google ADS, Google Tag Manager, essendo molto chiaro il concetto, veniamo alla funzione Targeting Avanzato. Google Optimize ti aiuta a targettizzare gli utenti in un’infinità di modi possibili: puoi decidere le url dove far girare gli esperimenti (target url); puoi targettizzare in base al comportamento dell’utente (target comportamento), puoi targettizzare per località (geolocalizzazione); per tecnologia (per dispositivo ad esempio); per variabile Javascript (ad esempio puoi targettizzare un utente che ha una specifica variabile come potrebbe essere il valore di un carrello tra i 20 ed i 60 euro); per query e molto altro ancora. 

Insomma, siamo di fronte ad uno strumento altamente professionale che Google mette a disposizione degli utenti per effettuare i propri test di performance. Per poterlo ottenere è necessario avere un account Google, un sito web o una landing page, un account Analytics attivo da cui Google Optimize preleverà i dati di traffico per effettuare le sue valutazioni.

Come funziona Google Optimize