Cyber Lex

Privacy & GDPR
Regolamento Europeo

+39 06 39754846

Diritto all'oblio GDPR Cancella i tuoi dati personali

GDPR Regolamento

Il Regolamento Europeo sulla Privacy GDPR entrato in vigore il 25 Maggio 2018 sancisce le linee guide per trattare, proteggere e cancellare dati personali in Europa. Il GDPR viene chiamato in causa per cancellare dati personali da Internet (diritto all’oblio o diritto alla cancellazione dei dati) e disciplinare i rapporti tra persona interessata, titolare del trattamento e responsabile della protezione dei dati trattati. Il Regolamento Europeo GDPR - General Data Protection Regulation - viene interpretato dai garanti della privacy dei rispettivi Paesi membri. Adottando una serie di procedure (ad esempio: reclamo al Garante della Privacy nel caso dell’Autorità italiana per la protezione dei dati personali) le persone interessate possono rivendicare i propri diritti. Oltre al diritto alla cancellazione dei dati, è possibile anche chiedere un risarcimento del danno ai sensi del Regolamento GDPR. Syrus Industry e Cyber Lex chiamano in causa il diritto all’oblio GDPR per deindicizzare URL dai motori di ricerca e cancellare notizie indesiderate. I cittadini europei fanno riferimento al regolamento GDPR per eliminare informazioni indesiderate dai motori di ricerca, ma non sempre il diritto all’oblio sancisce il diritto alla cancellazione delle notizie dai risultati di ricerca. La disciplina applicabile nell’ipotesi in cui si vogliano cancellare delle notizie da internet è quella contenuta nel nuovo Codice della Privacy, così come recentemente modificato dal D.Lgs. 101/2018 recante le disposizioni di adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni contenute nel famoso Regolamento UE/2016/679 relativo alla protezione ed alla libera circolazione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali (meglio conosciuto con l’acronimo inglese GDPR, General Data protection Regulation). A norma dell’art. 17 GDPR, l’interessato ha diritto a chiedere la cancellazione dei dati personali che lo riguardano al Titolare del trattamento nominato, qualora questo sia avvenuto in violazione dei requisiti previsti in seno allo stesso Regolamento: graverà quindi sul Titolare l’obbligo di provvedere senza ritardo alcuno alla rimozione delle informazioni personali. E’ questo il cosiddetto Diritto all’oblio, ovvero il diritto ad essere dimenticati dal web, esercitabile dall’interessato (n.b. colui a cui si riferiscono i dati) nei confronti sia dei singoli siti web sia dei motori di ricerca. Con riferimento al primo caso, come fare quindi per rimuovere le notizie di giornale da internet? Per prima cosa occorre individuare la privacy policy - obbligatoria per tutti i siti web che prevedano al trattamento dei dati personali degli utenti - dalla quale poter estrapolare il nominativo del Titolare del trattamento (che può essere sia persona fisica che giuridica), cui andrà rivolta la domanda di rimozione dei dati personali; per cancellare le notizie da internet occorre però dimostrare la sussistenza di alcuni requisiti, tutti previsti dal GDPR (e pedissequamente riportati dal Legislatore italiano nella nuova formulazione del Codice Privacy). Per rimuovere delle notizie di Giornale da Internet è necessario che le stesse presentino carattere obsoleto (ovvero facciano riferimento ad avvenimenti storici ormai superati e non più attuali), oppure risultino errate e/o inesatte (perchè aventi un contenuto con rispondente a realtà) o, ancora, che abbiano perso qualsivoglia rilevanza a livello pubblico; per cancellare dei link da internet è infatti necessario che in questi non siano riportate delle vicende la cui permanenza in rete risponda ad un superiore interesse pubblico, la cui sussistenza giustifichi quindi la conoscibilità dei suddetti contenuti a livello collettivo (dovendosi in questo caso ritenersi prevalente la rilevanza collettiva di una determinata notizia rispetto all’esigenza di privacy del privato cittadino). In presenza dei suddetti requisiti, il Titolare del trattamento deve provvedere senza ritardo alcuno alla rimozione delle URL segnalate; nel caso in cui questi non voglia ottemperare alla richiesta di oblio, l’interessato potrà rivolgersi all’Autorità garante per la protezione dei dati personali, mediante reclamo da presentare ai sensi dell’art. 141 del Codice Privacy (art. 77 GDPR) o, in alternativa, potrà presentare ricorso al Tribunale territorialmente competente per ottenere, nelle more, anche il risarcimento dei danni eventualmente subito a causa dell’illecito trattamento subito.

GDPR

Contatti
Syrus Industry

Via del Fontanile Anagnino 173
00118, Roma (RM)

info@syrusindustry.com

www.syrusindustry.com

vai a contatti